Skip To Content

Tracciare eventi di prossimità

Nota:

Questa funzionalità è attualmente supportata solo inMap Viewer classico (precedentemente noto come Map Viewer). Sarà disponibile in una futura versione del nuovo Map Viewer.

Tracciare eventi di prossimità Lo strumento Tracciare eventi di prossimità traccia gli eventi che sono gli uni vicini agli altri nello spazio (posizione) e nel tempo. Il layer di input deve essere costituito da punti abilitati alle variazioni temporali che rappresentano un istante nel tempo.

Diagramma del Workflow

Diagramma del Workflow Tracciare eventi di prossimità

Analisi tramite GeoAnalytics Tools

L'analisi che usa GeoAnalytics Tools è in esecuzione usando l'elaborazione distribuita tramite più computer ArcGIS GeoAnalytics Server e punteggi. GeoAnalytics Tools e strumenti di analisi feature standard in ArcGIS Enterprise hanno diversi parametri e funzionalità. Per ulteriori informazioni sulle differenze, consultare Differenze tra gli strumenti di analisi delle feature.

Terminologia

PeriodoDefinizioneEsempio

Entità

Un oggetto in movimento che ha la sua posizione periodicamente registrata.

Un animale, una persona o un veicolo. Un'entità potrebbe essere ferma o in movimento.

Entità di interesse

Le entità specifiche usate per avviare una traccia.

Una persona infetta da COVID-19.

Evento di prossimità

Quando due entità si trovano una accanto all'altra entro un periodo di tempo.

Due persone che si trovano entro 3 metri l'una dall'altra e entro una finestra di 1 minuto l'una dall'altra.

Profondità

Il grado di separazione tra un'entità di interesse e un'entità più in basso nella traccia (a valle).

Un evento di prossimità tra l'entità di interesse e qualcun altro è profondità 1.

Evento di traccia

Il primo contatto per un'entità specificata a valle dalle entità di interesse.

Esempi

Un'organizzazione monitora i dispositivi di produzione dell'azienda trasportati dai lavoratori. La società è interessata a determinare quali dipendenti siano vicini a un individuo noto per avere la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19). Utilizzando il layer di punti che rappresenta posizioni e tempi del dispositivo, essi possono identificare i dispositivi che sono stati entro sei metri e cinque minuti dalla persona contagiata e altri possibili dipendenti contagiosi.

Una ONG sta monitorando la popolazione di salmone utilizzando il GPS ed è interessata a tracciare la diffusione dei pidocchi del salmone tra salmoni d'allevamento fuggiti e le popolazioni selvatiche. Alcuni salmoni d'allevamento marcati con GPS sono stati rintracciati per vedere se si trovano in prossimità di popolazioni selvatiche marcate e come queste popolazioni selvatiche possono diffondere ulteriormente la malattia. Le misurazioni includono anche un campo di profondità, che l'ONG utilizza per trovare solo pesci a una profondità simile.

Note sull'utilizzo

Quando si tracciano eventi di prossimità, è responsabilità dell'utente capire le linee guida organizzative, locali e nazionali relative alla sensibilità dei dati e alla privacy.

I punti di input che non hanno valori di tempo, valori di geometria o un campo ID dell'entità non sono inclusi nei risultati.

Quando si utilizza il tracciamento di prossimità per trovare la trasmissione (ad esempio una malattia), è necessario essere a conoscenza di quanto segue:

  • La presenza di un evento di traccia non garantisce che sia stato trasmesso; è solo un incontro potenziale.
  • L'assenza di un evento di traccia non significa che qualcosa non sia stato trasmesso. Nei casi come una malattia, ci potrebbe essere trasmissione tramite altri vettori.
  • Quando possibile, usare il Seleziona uno o più attributi di entità da abbinare al parametro per vincolare gli eventi di prossimità quando necessario. Ad esempio, usare gli attributi per vincolare la stanza, il piano o l'elevazione.

Specificando una distanza di ricerca temporale e una distanza di ricerca spaziale più ampia, si ottengono più eventi e si impiega più tempo per elaborare i risultati. Distanze minori si traducono in un minor numero di eventi e in un tempo di elaborazione più breve.

Le caratteristiche devono soddisfare entrambi i criteri dei parametri di ricerca spaziale e di ricerca temporale per essere considerati vicini gli uni agli altri.

Diagramma della distanza di ricerca spaziale
Figura A: Le due caratteristiche si trovano entro una distanza di ricerca spaziale l'una dall'altra.
Diagramma della distanza di ricerca temporale
Figura B: Le due caratteristiche si trovano entro una distanza di tempo (distanza di ricerca temporale) l'una dall'altra.

Utilizzare la conoscenza specifica di settore per determinare i valori utilizzati per i parametri di distanza di ricerca spaziale e di distanza di ricerca temporale. Considerare fattori come la precisione del dispositivo quando si impostano le distanze.

L'entità di interesse è dove inizia il tracciamento di prossimità. Se si specifica una partenza dall'ora, il tracciamento inizierà a quell'ora per quella entità. Se non si specifica un'ora, il tracciamento inizia il 1° gennaio 1970 per quella entità.

Per impostazione predefinita, le tracce di entità sono create utilizzando un metodo geodetico per il calcolo delle distanze. Si consiglia di utilizzare la distanza geodetica nelle seguenti circostanze:

  • Rilevamenti che superano la linea della data internazionale: quando si utilizza il metodo geodetico, i layer di input che superano la linea della data internazionale avranno rilevamenti che superano correttamente la linea di cambio data internazionale. Il layer di input o il riferimento spaziale di elaborazione deve essere impostato su un riferimento spaziale che supporta la disposizione automatica intorno alla linea della data internazionale, ad esempio una proiezione globale, come l'area equivalente cilindrica del mondo.
  • Il dataset non si trova in una proiezione locale: se i dati di input sono in una proiezione locale, utilizzare il metodo della distanza planare. Ad esempio, utilizzare il metodo planare per esaminare eventi di traccia in uno stato individuale. Il layer di input o il riferimento spaziale di elaborazione devono essere impostati su un riferimento spaziale locale nel dataset.

Usare Opzioni avanzate per specificare la profondità massima della traccia e gli attributi dell'entità da abbinare:

  • È possibile impostare ulteriori requisiti per un evento di prossimità. Ad esempio, è possibile tracciare solo gli individui in un determinato edificio su un campus, oppure tracciare solo all'interno di un livello di un edificio. Usare il Seleziona uno o più attributi di entità da abbinare al parametro, per specificare gli attributi vincolanti. Ad esempio, per vincolare le entità sullo stesso piano, specificare il campo Floor.
  • Per impostazione predefinita, vengono trovate tutte le tracce fra un'entità di interesse e un'entità più in basso nella traccia. Usare il parametro Profondità massima di rilevamento per limitare la profondità.

Il layer di output degli eventi di prossimità contiene il primo evento di prossimità per le entità nella traccia, nonché i seguenti campi:

  • from_id- L'ID dell'entità upstream (a monte).
  • to_id- L'ID dell'entità downstream (a valle).
  • depth- Il grado di separazione fra un'entità di interesse e il campo to_id.
  • duration_minutes- La durata dell'evento di traccia in minuti. Questo campo è calcolato come la differenza fra le ore di inizio e di fine. Ad esempio, 1,5 minuti sono 90 secondi. Un valore di 0 significa che c'è un evento di prossimità singolo (stessa ora di inizio e di fine).
  • instant_datetime- La data e l'ora dell'evento di prossimità. Questo campo è calcolato come la prima ora registrata che soddisfa i criteri dell'evento di prossimità.

È possibile visualizzare il layer di output degli eventi di prossimità utilizzando il cursore temporale o, in un collegamento grafico inArcGIS Pro per visualizzare i risultati della traccia.

È possibile utilizzare il parametro facoltativo Includi layer di tracce per creare un layer che contenga il primo evento di traccia e tutte le funzionalità successive per quell'entità. Inoltre, le funzionalità per l'entità di interesse sono sempre incluse nel layer di output del tracciamento. Questi risultati sono utili per visualizzate il percorso effettuato dalle entità e possono essere utilizzati nello strumento Ricostruire tracce. I layer di output delle tracce includono i seguenti campi:

  • entity_id- L'ID entità.
  • depth- Il grado di separazione fra un'entità di interesse e il tracciamento della traccia. La profondità è la stessa attraverso una singola traccia.
  • instant_datetime- La data di ogni feature. Questa è la stessa data del registro dalle feature di input.

Se si seleziona Usa estensione mappa corrente, verranno analizzate solo le feature visibili nell'estensione mappa corrente. Se questa opzione non è selezionata, verranno analizzate tutte le feature di input del layer di input, anche se esterne all'estensione mappa corrente.

Limitazioni

Gli eventi di prossimità di input devono essere layer puntuali con feature abilitate per variazioni temporali o tipo istante. Qualunque feature priva di orario non è inclusa nei risultati di output.

Come funziona Tracciare eventi di prossimità

I diagrammi seguenti mostrano come lo strumento Tracciare eventi di prossimità elabora i dati. In questi diagrammi, l'ora si trova nell'asse x. In ogni diagramma, ci sono quattro entità: A, B, C e D. Il testo evidenziato descrive gli eventi di traccia che avvengono fra due entità (le entità da e per) e la profondità dell'evento di prossimità. In questo esempio, l'entità C è l'entità di interesse scelta che viene tracciata a valle.

Nel diagramma 1, l'entità C è l'entità di interesse scelta. La profondità è 0.

Diagramma 1 dello strumento Traccia eventi di prossimità.

Diagramma 1 dello strumento Traccia eventi di prossimità.

Nel diagramma 2, un evento di prossimità si verifica fra le entità C e B. La profondità della traccia è 1. Quando feature multiple sono eventi di prossimità successivi, questo è un evento di prossimità prolungato.

Diagramma 2 dello strumento Traccia eventi di prossimità.

Diagramma 2 dello strumento Traccia eventi di prossimità.

Nel diagramma 3, un evento di prossimità si verifica fra le entità B e A. La profondità della traccia è 2.

Diagramma 3 dello strumento Traccia eventi di prossimità.

Diagramma 3 dello strumento Traccia eventi di prossimità.

Nel diagramma 4, un evento di prossimità si verifica fra le entità C e D. La profondità della traccia è 1.

Diagramma 4 dello strumento Traccia eventi di prossimità.

Diagramma 4 dello strumento Traccia eventi di prossimità.

Nell'immagine seguente, l'entità B è l'entità di interesse e si trova in prossimità con l'entità A tre volte, indicata dai cerchi blu. Supponendo che l'ora sia sull'asse x, il primo evento di prossimità è 1, seguito da una pausa senza contatto, e poi gli eventi di prossimità 2 e 3. Lo strumento restituisce l'evento 1 nel layer degli eventi di prossimità. Gli eventi di prossimità 2 e 3 non sono restituiti. Se viene selezionato il parametro Includi layer di tracce, tutte le funzionalità dopo l'evento di prossimità 1 sono restituite nel layer di output delle tracce.

Un esempio del primo evento di traccia.

Esempio ArcGIS API for Python

Lo strumento Tracciare eventi di prossimità è disponibile tramite ArcGIS API for Python.

Questo esempio trova gli eventi di prossimità per tutte le entità nel layer input che sono entrate in prossimità di un'entità chiamata entity_3.

# Import the required ArcGIS API for Python modules
import arcgis
from arcgis.gis import GIS

# Connect to your ArcGIS Enterprise portal and confirm that GeoAnalytics is supported
portal = GIS("https://myportal.domain.com/portal", "gis_publisher", "my_password", verify_cert=False)
if not portal.geoanalytics.is_supported():
    print("Quitting, GeoAnalytics is not supported")
    exit(1)   

# Search for and list the big data file shares in your portal
search_result = portal.content.search("", "Big Data File Share")

# Look through the search results for the big data file share of interest
bd_layer = next(x for x in search_result if x.title == "bigDataFileShares_EntityLocationPoints")

# Run the Trace Proximity Events tool 
result = arcgis.geoanalytics.use_proximity.trace_proximity_events(input_points = bd_layer, 
    entity_id_field = "UniqueID",
    entities_of_interest_ids = [{"entityId": "entity_3", "epochTimeStamp": None}],
    spatial_search_distance = 6,
    spatial_search_distance_unit = "feet",
    distance_method = "Geodesic",
    temporal_search_distance = 10,
    temporal_search_distance_unit = "minutes",
    max_trace_depth = None,
    attribute_match_criteria = None,
    include_tracks_layer = None,
    output_name = "TPE_output")

# Visualize the results if you are running Python in a Jupyter Notebook
processed_map = portal.map()
processed_map.add_layer(result)
processed_map

Strumenti simili

Utilizzare Tracciare eventi di prossimità per tracciare eventi che sono gli uni vicino agli altri nello spazio (posizione) e nel tempo. Altri strumenti possono essere utili per la risoluzione di problemi simili ma leggermente diversi.

Strumenti di analisi di Map Viewer classico

Se si è interessati a calcolare tutti gli eventi di prossimità e non si è interessati a tracciare downstream (a valle) da un'entità di interesse, usare lo strumento Join delle feature.

Se vuoi ricostruire i punti dei sentieri percorsi o visualizzare le tue tracce in uscita, usa lo strumento Ricostruisci tracce.

Strumenti di analisi di ArcGIS Pro

Lo strumento Tracciare eventi di prossimità è disponibile anche in ArcGIS Pro.

Per eseguire lo strumento da ArcGIS Pro, sul portale attivo del progetto deve essere in esecuzione ArcGIS Enterprise10.9 o versione successiva. Nella versione 10.9 è necessario effettuare l'accesso al portale utilizzando un account con privilegi per eseguire analisi spaziali nel portale.